virginiana
Virginiana Miller

Venga il regno

Alabianca/Warner
8

Sono pochi i gruppi che, in Italia, sono riusciti a mantenere alto il timone della creatività, senza grandi cedimenti: i Virginiana Miller appartengono a questo filone, abbastanza esiguo, e compromettono costantemente tutte le convinzioni un po’ stantie che abbiamo sul cosiddetto rock cantato in italiano. Non si negano la complessità, se è funzionale a una buona canzone; non posano; non ammiccano. Si concentrano su quello che è il loro lavoro: dare al meglio il respiro di un’idea pensata e suonata in gruppo, fin dai tempi di Gelaterie sconsacrate, nel 1997.
L’orizzonte è quello di Livorno, anche se il nome è stato preso da una pianta dell’orto botanico di Pisa, l’ispirazione arriva spesso da Simone Lenzi, il cantastorie della band, che nel frattempo è diventato romanziere, saggista e complice nel film tratto dal suo La generazione, Tutti i santi giorni, diretto da Paolo Virzì. C’è un brano che si chiama nello stesso modo: ha vinto l’ultimo David di Donatello come migliore canzone originale associata a una pellicola e ha dato ai Virginiana un po’ di ribalta, almeno giornalistica, finendo per anticipare Venga il regno.
Tre anni e mezzo dopo Il primo di lunedì del mondo, l’album, il sesto, ha solo bisogno di essere ascoltato con calma, per essere apprezzato come merita: sgomberare la mente da ogni preconcetto, accettare le sottigliezze di Lenzi e il suono brillante e pastoso di una formazione capace di intendersi al volo sulle strade da prendere. In questo caso, dopo la rinascita dello scorso cd, le nuove vie sono particolarmente vaste, giocano sulle melodie con un senso di sfida e di attaccamento a un concetto chiave: la bellezza. Negata o sovvertita, magari (Il recinto dei cani, Lettera di San Paolo agli operai), accesa da una Pupilla illuminata, priva di inutili Effetti speciali, perché la si possa praticare con piena ironia (Chic) o ribaltare nell’inferno dell’Eternità di Roma. Un viaggio avvincente, di cui chiederemo conto presto proprio ai diretti interessati.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...