virginiana
Virginiana Miller

Venga il regno

Alabianca/Warner
8

Sono pochi i gruppi che, in Italia, sono riusciti a mantenere alto il timone della creatività, senza grandi cedimenti: i Virginiana Miller appartengono a questo filone, abbastanza esiguo, e compromettono costantemente tutte le convinzioni un po’ stantie che abbiamo sul cosiddetto rock cantato in italiano. Non si negano la complessità, se è funzionale a una buona canzone; non posano; non ammiccano. Si concentrano su quello che è il loro lavoro: dare al meglio il respiro di un’idea pensata e suonata in gruppo, fin dai tempi di Gelaterie sconsacrate, nel 1997.
L’orizzonte è quello di Livorno, anche se il nome è stato preso da una pianta dell’orto botanico di Pisa, l’ispirazione arriva spesso da Simone Lenzi, il cantastorie della band, che nel frattempo è diventato romanziere, saggista e complice nel film tratto dal suo La generazione, Tutti i santi giorni, diretto da Paolo Virzì. C’è un brano che si chiama nello stesso modo: ha vinto l’ultimo David di Donatello come migliore canzone originale associata a una pellicola e ha dato ai Virginiana un po’ di ribalta, almeno giornalistica, finendo per anticipare Venga il regno.
Tre anni e mezzo dopo Il primo di lunedì del mondo, l’album, il sesto, ha solo bisogno di essere ascoltato con calma, per essere apprezzato come merita: sgomberare la mente da ogni preconcetto, accettare le sottigliezze di Lenzi e il suono brillante e pastoso di una formazione capace di intendersi al volo sulle strade da prendere. In questo caso, dopo la rinascita dello scorso cd, le nuove vie sono particolarmente vaste, giocano sulle melodie con un senso di sfida e di attaccamento a un concetto chiave: la bellezza. Negata o sovvertita, magari (Il recinto dei cani, Lettera di San Paolo agli operai), accesa da una Pupilla illuminata, priva di inutili Effetti speciali, perché la si possa praticare con piena ironia (Chic) o ribaltare nell’inferno dell’Eternità di Roma. Un viaggio avvincente, di cui chiederemo conto presto proprio ai diretti interessati.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....