WALLIS BIRD
Karakter/Family Affair

Nell’attuale marasma di folksinger, farsi notare è arduo. Ci riesce a sorpresa la trentenne Wallis Bird, al terzo album dopo “Spoons” del 2007 e “New Boots” del 2009 ma semisconosciuta dalle nostre parti. Ci riesce per varie ragioni. La prima: una particolare tecnica alla chitarra acustica, sviluppata un po’ per virtuosismo un po’ per necessità poiché da adolescente un tosaerba le amputò le dita della mano sinistra, in seguito ricucite (il sommo della sfiga è che la ragazza è mancina). La seconda: una voce, ora vigorosa ora confidenziale, che potrebbe mettere d’accordo pubblico e critica senza mai snaturarsi, tanto che i paragoni con Ani DiFranco, Kaki King o Fiona Apple lasciano il tempo che trovano. La terza: sia le canzoni più lente (“Dress My Skin And Become What I’m Supposed To”, “Take Me Home” e “Polarised”) sia le più aggressive (“I Am So Tired Of That Line”, “Encore”, “Heartbeating City” e “Who’s Listening Now?”) possiedono sempre quel tocco di imprevedibilità – cori, groove, dettagli d’arrangiamento – che aggira il rischio del ristagno che si accompagna al genere. Registrato in una vecchia stazione di trasmissione comunista a Berlino, in un cottage isolato nella natia Irlanda e nel proprio appartamento di Brixton, “Wallis Bird” è chiaro e forte sin dalla dichiarazione del non-titolo: questa è lei, prendere o lasciare. Noi prendiamo, di corsa.

Tratto dal Mucchio n°694

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....