WALLIS BIRD
Karakter/Family Affair

Nell’attuale marasma di folksinger, farsi notare è arduo. Ci riesce a sorpresa la trentenne Wallis Bird, al terzo album dopo “Spoons” del 2007 e “New Boots” del 2009 ma semisconosciuta dalle nostre parti. Ci riesce per varie ragioni. La prima: una particolare tecnica alla chitarra acustica, sviluppata un po’ per virtuosismo un po’ per necessità poiché da adolescente un tosaerba le amputò le dita della mano sinistra, in seguito ricucite (il sommo della sfiga è che la ragazza è mancina). La seconda: una voce, ora vigorosa ora confidenziale, che potrebbe mettere d’accordo pubblico e critica senza mai snaturarsi, tanto che i paragoni con Ani DiFranco, Kaki King o Fiona Apple lasciano il tempo che trovano. La terza: sia le canzoni più lente (“Dress My Skin And Become What I’m Supposed To”, “Take Me Home” e “Polarised”) sia le più aggressive (“I Am So Tired Of That Line”, “Encore”, “Heartbeating City” e “Who’s Listening Now?”) possiedono sempre quel tocco di imprevedibilità – cori, groove, dettagli d’arrangiamento – che aggira il rischio del ristagno che si accompagna al genere. Registrato in una vecchia stazione di trasmissione comunista a Berlino, in un cottage isolato nella natia Irlanda e nel proprio appartamento di Brixton, “Wallis Bird” è chiaro e forte sin dalla dichiarazione del non-titolo: questa è lei, prendere o lasciare. Noi prendiamo, di corsa.

Tratto dal Mucchio n°694

Ultime recensioni Musica
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...