bay94
Wildbirds & Peacedrums

Rhythm

Repeat Until Death/Leaf
8.5

Se la disposizione dei suoni nel tempo è una delle caratteristiche basilari di tutti i tipi di musica, la voce è ovviamente lo strumento espressivo per eccellenza dell’essere umano. I Wildbirds & Peacedrums, da sempre, vanno alla radice della faccenda dividendosi tra batteria e microfono. Una simile scelta stilistica, per quanto l’attività nei vari progetti paralleli possa fornire più di una valvola di sfogo, corre alla lunga un solo rischio: quello della ripetizione, dell’inaridimento creativo. Ma Mariam Wallentin e Andreas Werliin sanno come maneggiare antichi spiriti e desideri istintivi, allestendo con fare artigianale un disco dove le nove tracce in programma suonano assolutamente necessarie, per quaranta minuti in cui l’avanguardia bacia in bocca il pop, come loro si baciano nel video dell’inclassificabile, meravigliosa Keep Some Hope.

Si parte con le sperimentazioni vocali di Ghosts & Pains, con parole quasi onomatopeiche che sarebbero state bene in Medúlla di Björk e l’invito a propendere verso il rosso e il porpora, i colori del cuore, mentre appunto “fantasmi & dolori” si rispecchiano nel corso del fiume, destinato a scorrere: perché “loving/living is not easy” e i due artisti si impegnano nel riuscirvi al meglio, lungo una carriera che ha quasi i tratti del concept per coerenza sonora e tematica. Sperimentazioni ad ogni modo riprese in Mind Blues, vero e proprio blues della mente, e in una Who I Was vicina al punk-rock, uno-due che spalanca le porte sulle incertezze e sulle psicosi dell’esistenza. C’è la cupezza tribale di The Unreal vs The Real, ci sono l’incedere semi-industrial dell’estesa Soft Wind, Soft Death – in contrasto con la sua spiritualità protesa verso l’eterno, a concludersi in una sorta di gospel moderno – e il cacofonico sabba di energia di Everything All The Time. Ci sono autentici capolavori come la marziale The Offbeat e la febbrile Gold Digger, perle di pathos che attestano il duo svedese quale entità davvero unica nel panorama attuale.

Commenti

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...