PUBLIC STRAIN
Jagjaguwar/Goodfellas

Come era stato in occasione dell’omonimo debutto, pure per la produzione di Public Strain ci si affida a Chad Van-Gaalen. Uno che sembra avere capito quale sia il verso con cui prendere una band che diversamente correrebbe il rischio di risultare svogliata e autoreferenziale.
E invece già da Can’t You See, un mantra ripetuto all’infinito sul quale è tessuta una tela di distorsioni e riverberi, si comprende che nella discografia dei quattro canadesi questo può essere già l’album definitivo. Heat Distraction, che segue, è l’esatto contrario: sono delle irriverenti tastiere a prendere la scena e a colorare armonie di certo sghembe, come piaceva comporne a qualche art-rocker di inizio ’90, ma intrise di un’eco pop che è il vero valore aggiunto. Lo stesso che si ritrova, intatto nel suo splendore e accresciuto da coriandoli di bassa fedeltà e interferenze, in Narrow With The Hall, Bells e Penal Colony. E se China Steps evoca i Beach House, Untogether e Venice Lockjaw contribuiscono a dilatare la percezione spazio-temporale in cui gli strumenti si muovono.
Public Strain risulta così opera di grande maturità e dalle continue sorprese, che contribuisce a dimostrare come non sia da tutti i giorni imbattersi in un ensemble che, con totale competenza, fa andare di pari passo armonia e rumore. Come i ragazzi di Patrick Flegel sono geniali nel rendere con la più assoluta semplicità ritmi fragili che danno la sensazione di venire improvisati e che, al contrario, richiedono certosina perizia nell’esecuzione (Eyesore), così, con rapida dissolvenza e trascorsi pochi secondi (a volte addirittura all’interno della medesima composizione), sono da mandare a memoria gli esperimenti più marcatamente noise.
Sempre tenendo presente che gli estremi dei Women sono tutt’altro che frastagliati e di difficile assimilazione. È vero, anzi, l’esatto contrario: possiedono il perfetto punto di equilibrio tra riverberi notturni e abbaglianti chiarori.

Tratto dal Mucchio n°674

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...