artworks-000057946306-v5l7uk-original
Wooden Shjips

Back To Land

Thrill Jockey
8

Lo premetto, non sono la persona più adatta per recensire un disco dei Wooden Shjips. Con fedeltà partigiana, reputo la formazione americana una delle ragioni per le quali, dalla metà dello scorso decennio, si è assistito alla ripresa della scena psichedelica che ha sfornato, senza soluzione di continuità, band e produzioni oltre ogni più rosea aspettativa. Aggiungete che l’indiscusso deus ex machina, Ripley Johnson, è un musicista che, pure nei progetti collaterali, ha la capacità di incantare con ritmi di certo derivativi ma aggiornati alle esigenze del terzo millennio (le opere di Moon Duo, in tal senso, valgono più di mille parole), ed ecco che la già bassa asticella di obiettività che mi è rimasta, va definitivamente a farsi benedire.

Anche perché tra i loro album – con Back To Land siamo a quota sei, comprese un paio di raccolte dei primissimi, introvabili singoli – non riesco a trovarne nessuno, pure sforzandomi, meno che eccellente. Non certo West, vecchio ormai di un paio d’anni, che con lo stesso Back To Land ha numerosi punti di contatto, quasi che questo rappresenti il fisiologico seguito di quello: influenzati dalle condizioni meteo trovate nell’Oregon (decisamente peggiori rispetto alle californiane), gli otto movimenti coniugano l’elettricità dei Settanta (Back To Land, Servants) con il profumo delle distorsioni, la sporcizia di qualche frenetico spunto garage (In The Roses) e il desiderio di dilatare gli spazi in modo che i suoni si aprano verso il cosmo con un percotente furore (Ghouls) che, alfine, si scioglie in appassionato abbraccio (Ruins, Other Stars, These Shadows, che sale oltre i cinque minuti e sembra la più radiofonica delle composizioni).

La missione è portata a compimento, ecco il principale merito che ai Wooden Shjips va riconosciuto, con un’anima melodica (non dico pop, che potrebbe apparire blasfemo…) dalla disarmante semplicità; come se fosse naturale, per chi con le chitarre sperimenta, generare atmosfere lisergiche con grazia tale da perdersi nell’ossessiva ripetizione.

Pubblicato su Mucchio 712

 

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...