DUST LANE
Mute/Self

Sono ormai trascorsi un bel po’ di anni dalla “favolosa maledizione di Amélie” che ha rischiato di trasformare Yann Tiersen in un impeccabile calco di sé stesso, facendolo quasi coincidere con il proverbiale compositore un po’ colto e un po’ popolare, buono per ogni occasione, che i più immaginano ogni volta che viene nominato. Per prendere le distanze dal film di Jeunet, e da quella pur memorabile colonna sonora che d’altra parte gli ha consentito di raggiungere il grande pubblico, il Nostro – che comunque, va specificato, non ha mai prodotto musica meno che interessante – ha cercato, in seguito, di percorrere nuove vie: ha moltiplicato il numero degli ospiti e diversificato ulteriormente il mood degli spartiti (in “Les Retrouvailles” del 2005, ad esempio), oppure – scelta che non ci ha mai convinti del tutto – ha affrontato i palchi ricollocando il proprio repertorio in quella dimensione rock che aveva frequentato a inizio carriera, imbracciando spesso la chitarra . In Dust Lane affrontiamo l’ennesimo cambio prospettico, e il tutto assume l’aspetto maturo di una convincente sintesi: ci immergiamo in un suono denso e stratificato che ricorre ad insoliti sintetizzatori e a nebbiosi (ma pure un po’ increspati) muri di suono che fanno venire in mente, a tratti, i Sigur Rós, un suono che permette, tuttavia, di vedere in filigrana le tracce degli archi e degli strumenti acustici, l’anima folk bretone di Tiersen. A tratti il cielo del Finistère (in particolare l’isola di Ouessant, estrema propaggine della Bretagna, dove sono state registrate molte di queste tracce), si rannuvola, ed è in uno dei momenti più bui, “Chapter 19”, che il compositore trova nell’amico Matt Elliott l’interprete ideale del proprio lato oscuro. Elliot ritorna nella antiretorica ma comunque politica “Palestine” (gli Ex di “State Of Shock” ammorbiditi ma non slavati), ma il brano più toccante, perfetto per i titoli di coda, è probabilmente “Fuck Me”, dolcissima a dispetto del titolo: uno dei tanti contrasti riusciti di questo album.

tratto dal Mucchio n°676

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...