DUST LANE
Mute/Self

Sono ormai trascorsi un bel po’ di anni dalla “favolosa maledizione di Amélie” che ha rischiato di trasformare Yann Tiersen in un impeccabile calco di sé stesso, facendolo quasi coincidere con il proverbiale compositore un po’ colto e un po’ popolare, buono per ogni occasione, che i più immaginano ogni volta che viene nominato. Per prendere le distanze dal film di Jeunet, e da quella pur memorabile colonna sonora che d’altra parte gli ha consentito di raggiungere il grande pubblico, il Nostro – che comunque, va specificato, non ha mai prodotto musica meno che interessante – ha cercato, in seguito, di percorrere nuove vie: ha moltiplicato il numero degli ospiti e diversificato ulteriormente il mood degli spartiti (in “Les Retrouvailles” del 2005, ad esempio), oppure – scelta che non ci ha mai convinti del tutto – ha affrontato i palchi ricollocando il proprio repertorio in quella dimensione rock che aveva frequentato a inizio carriera, imbracciando spesso la chitarra . In Dust Lane affrontiamo l’ennesimo cambio prospettico, e il tutto assume l’aspetto maturo di una convincente sintesi: ci immergiamo in un suono denso e stratificato che ricorre ad insoliti sintetizzatori e a nebbiosi (ma pure un po’ increspati) muri di suono che fanno venire in mente, a tratti, i Sigur Rós, un suono che permette, tuttavia, di vedere in filigrana le tracce degli archi e degli strumenti acustici, l’anima folk bretone di Tiersen. A tratti il cielo del Finistère (in particolare l’isola di Ouessant, estrema propaggine della Bretagna, dove sono state registrate molte di queste tracce), si rannuvola, ed è in uno dei momenti più bui, “Chapter 19”, che il compositore trova nell’amico Matt Elliott l’interprete ideale del proprio lato oscuro. Elliot ritorna nella antiretorica ma comunque politica “Palestine” (gli Ex di “State Of Shock” ammorbiditi ma non slavati), ma il brano più toccante, perfetto per i titoli di coda, è probabilmente “Fuck Me”, dolcissima a dispetto del titolo: uno dei tanti contrasti riusciti di questo album.

tratto dal Mucchio n°676

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...