DUST LANE
Mute/Self

Sono ormai trascorsi un bel po’ di anni dalla “favolosa maledizione di Amélie” che ha rischiato di trasformare Yann Tiersen in un impeccabile calco di sé stesso, facendolo quasi coincidere con il proverbiale compositore un po’ colto e un po’ popolare, buono per ogni occasione, che i più immaginano ogni volta che viene nominato. Per prendere le distanze dal film di Jeunet, e da quella pur memorabile colonna sonora che d’altra parte gli ha consentito di raggiungere il grande pubblico, il Nostro – che comunque, va specificato, non ha mai prodotto musica meno che interessante – ha cercato, in seguito, di percorrere nuove vie: ha moltiplicato il numero degli ospiti e diversificato ulteriormente il mood degli spartiti (in “Les Retrouvailles” del 2005, ad esempio), oppure – scelta che non ci ha mai convinti del tutto – ha affrontato i palchi ricollocando il proprio repertorio in quella dimensione rock che aveva frequentato a inizio carriera, imbracciando spesso la chitarra . In Dust Lane affrontiamo l’ennesimo cambio prospettico, e il tutto assume l’aspetto maturo di una convincente sintesi: ci immergiamo in un suono denso e stratificato che ricorre ad insoliti sintetizzatori e a nebbiosi (ma pure un po’ increspati) muri di suono che fanno venire in mente, a tratti, i Sigur Rós, un suono che permette, tuttavia, di vedere in filigrana le tracce degli archi e degli strumenti acustici, l’anima folk bretone di Tiersen. A tratti il cielo del Finistère (in particolare l’isola di Ouessant, estrema propaggine della Bretagna, dove sono state registrate molte di queste tracce), si rannuvola, ed è in uno dei momenti più bui, “Chapter 19”, che il compositore trova nell’amico Matt Elliott l’interprete ideale del proprio lato oscuro. Elliot ritorna nella antiretorica ma comunque politica “Palestine” (gli Ex di “State Of Shock” ammorbiditi ma non slavati), ma il brano più toccante, perfetto per i titoli di coda, è probabilmente “Fuck Me”, dolcissima a dispetto del titolo: uno dei tanti contrasti riusciti di questo album.

tratto dal Mucchio n°676

Ultime recensioni Musica
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...