DUST LANE
Mute/Self

Sono ormai trascorsi un bel po’ di anni dalla “favolosa maledizione di Amélie” che ha rischiato di trasformare Yann Tiersen in un impeccabile calco di sé stesso, facendolo quasi coincidere con il proverbiale compositore un po’ colto e un po’ popolare, buono per ogni occasione, che i più immaginano ogni volta che viene nominato. Per prendere le distanze dal film di Jeunet, e da quella pur memorabile colonna sonora che d’altra parte gli ha consentito di raggiungere il grande pubblico, il Nostro – che comunque, va specificato, non ha mai prodotto musica meno che interessante – ha cercato, in seguito, di percorrere nuove vie: ha moltiplicato il numero degli ospiti e diversificato ulteriormente il mood degli spartiti (in “Les Retrouvailles” del 2005, ad esempio), oppure – scelta che non ci ha mai convinti del tutto – ha affrontato i palchi ricollocando il proprio repertorio in quella dimensione rock che aveva frequentato a inizio carriera, imbracciando spesso la chitarra . In Dust Lane affrontiamo l’ennesimo cambio prospettico, e il tutto assume l’aspetto maturo di una convincente sintesi: ci immergiamo in un suono denso e stratificato che ricorre ad insoliti sintetizzatori e a nebbiosi (ma pure un po’ increspati) muri di suono che fanno venire in mente, a tratti, i Sigur Rós, un suono che permette, tuttavia, di vedere in filigrana le tracce degli archi e degli strumenti acustici, l’anima folk bretone di Tiersen. A tratti il cielo del Finistère (in particolare l’isola di Ouessant, estrema propaggine della Bretagna, dove sono state registrate molte di queste tracce), si rannuvola, ed è in uno dei momenti più bui, “Chapter 19”, che il compositore trova nell’amico Matt Elliott l’interprete ideale del proprio lato oscuro. Elliot ritorna nella antiretorica ma comunque politica “Palestine” (gli Ex di “State Of Shock” ammorbiditi ma non slavati), ma il brano più toccante, perfetto per i titoli di coda, è probabilmente “Fuck Me”, dolcissima a dispetto del titolo: uno dei tanti contrasti riusciti di questo album.

tratto dal Mucchio n°676

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...