IT’S BLITZ!
Polydor/Universal

Se c’è una cosa che non si può rimproverare agli Yeah Yeah Yeahs, è l’immobilità. A differenza della maggior parte dei gruppi coevi, il terzetto newyorkese non ha mai tentato di replicare formule vincenti e ha pubblicato tre album parecchio differenti l’uno dall’altro, dimostrando non poca curiosità e altrettanto coraggio: un’attitudine che, indipendentemente dagli esiti, merita più applausi che eventuali perplessità. Fever To Tell era una scossa adrenalinica di punk-rock grezzo e sguaiato (nel suo genere, uno dei migliori titoli dell’ultimo decennio), seguito da quello Show Your Bones che metteva sul piatto intimismi acustici e gustosi impianti ritmici forse un pelino sottovalutati. It’s Blitz! mantiene le inclinazioni arty alle radici del progetto e vira a sorpresa in direzione electro, confinando talvolta in secondo piano la chitarra virtuosa di Nick Zinner e la batteria di Brian Chase. La voce di Karen O, quando aggressiva e iconoclasta quando insospettabilmente dolce, è il filo conduttore dei dieci brani in programma: c’è il pop sintetico delle divertenti Zero e Heads Will Roll, ma ci sono anche ballate di suggestiva, deviata morbidezza (Soft Shock, Skeletons, l’eccellente Runaway e Little Shadow) e un paio di episodi che spezzano la scaletta rifacendosi alla travolgente furia dei vecchi tempi (Dull Life e Shame And Fortune). Uno dei pochi punti fermi sembra essere l’amicizia con i concittadini TV On The Radio: David Sitek è chiamato ancora una volta a produrre – affiancato da Nick Launay, che aveva già messo mano al precedente ep Is Is – e Tunde Adebimpe compare ai cori in Dragon Queen, coloratissimo disco-funk princiano. Ci sarà chi storcerà il naso perché non tutto è riuscito al meglio, chi griderà al premeditato inseguimento delle tendenze del momento. Fatto sta che la band americana ha il pelo sullo stomaco per provare ad applicare la sua personale visione di terrorismo sonoro, sovversione delle regole e delle altrui aspettative. Con quel salutare pizzico di follia e incoscienza che oggidì è sempre più raro rintracciare.

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...