Show Your Bones

Interscope/Universal

Un paio di ep che hanno fatto da preludio a un esordio fulminante e movimentato come “Fever To Tell”, nel 2003: le triangolazioni degli Yeah Yeah Yeahs sono già un punto fermo del rock contemporaneo, sospese come appaiono fra melodie secche, concise, richiami storici e spirito art tipicamente newyorkese. In realtà, l’inquietudine del cantato di Karen O e le pulsazioni elettroritmiche di Nicolass Zinner e Brian Chase abbracciano ambiti abbastanza lontani fra di loro, che includono pure una forma sottile di garage-psichedelico, appena accennata ma parecchio importante nell’economia dei nuovi pezzi, nonché l’uso sistematico, e non puramente testuale, dell’ironia. Pezzi lasciati a fermentare un tempo adeguato, perché potessero togliersi di dosso la polvere di riferimenti scontati e si aprissero a ventaglio, sull’onda di una espressione assolutamente matura. A metà strada fra l’ipnosi minacciosa di “Phenomena”, la scansione di “Cheated Hearts”, le vie melodiche e direttamente rock’n’roll di “Gold Lion”, “Show Your Bones” è un album ambizioso nelle intenzioni e ben riuscito nella sua forma finale. Capace di evitare i trabocchetti di un genere, pulsa di trovate timbriche e ritmiche di tutto rispetto, innestate in una forma solo all’apparenza naïf e spontanea. In realtà in brani quali The Sweets o nella rarefazione minacciosa scheletrica di “Warrior” si respira l’aria dei Velvet più r’n’r e di certa wave americana. Il tutto senza pagare pegni o inchinarsi.

Prodotto da Squeak & Clean, capace di abbracciare sonorità che vanno da una costa all’altra, il cd è una centrifuga di spirito indie e di inquietudine che superano gli steccati. Senza far uso di tecnologia gratuita, sorretti da chitarre e pulsazioni estremamente concrete, gli Yeah Yeah Yeahs sono riusciti ad offrire un’opera in cui una poesia ruvida e decisa convive con un’attitudine punk, nel senso più pieno del termine. Canzoni che si possono fischiettare e che però possiedono un nocciolo sfuggente, ricco, che ribadiscono la sostanza davvero eccezionale di un gruppo destinato a rimanere.

Recensione tratta dal Mucchio 621 (aprile 2006)

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...