Show Your Bones

Interscope/Universal

Un paio di ep che hanno fatto da preludio a un esordio fulminante e movimentato come “Fever To Tell”, nel 2003: le triangolazioni degli Yeah Yeah Yeahs sono già un punto fermo del rock contemporaneo, sospese come appaiono fra melodie secche, concise, richiami storici e spirito art tipicamente newyorkese. In realtà, l’inquietudine del cantato di Karen O e le pulsazioni elettroritmiche di Nicolass Zinner e Brian Chase abbracciano ambiti abbastanza lontani fra di loro, che includono pure una forma sottile di garage-psichedelico, appena accennata ma parecchio importante nell’economia dei nuovi pezzi, nonché l’uso sistematico, e non puramente testuale, dell’ironia. Pezzi lasciati a fermentare un tempo adeguato, perché potessero togliersi di dosso la polvere di riferimenti scontati e si aprissero a ventaglio, sull’onda di una espressione assolutamente matura. A metà strada fra l’ipnosi minacciosa di “Phenomena”, la scansione di “Cheated Hearts”, le vie melodiche e direttamente rock’n’roll di “Gold Lion”, “Show Your Bones” è un album ambizioso nelle intenzioni e ben riuscito nella sua forma finale. Capace di evitare i trabocchetti di un genere, pulsa di trovate timbriche e ritmiche di tutto rispetto, innestate in una forma solo all’apparenza naïf e spontanea. In realtà in brani quali The Sweets o nella rarefazione minacciosa scheletrica di “Warrior” si respira l’aria dei Velvet più r’n’r e di certa wave americana. Il tutto senza pagare pegni o inchinarsi.

Prodotto da Squeak & Clean, capace di abbracciare sonorità che vanno da una costa all’altra, il cd è una centrifuga di spirito indie e di inquietudine che superano gli steccati. Senza far uso di tecnologia gratuita, sorretti da chitarre e pulsazioni estremamente concrete, gli Yeah Yeah Yeahs sono riusciti ad offrire un’opera in cui una poesia ruvida e decisa convive con un’attitudine punk, nel senso più pieno del termine. Canzoni che si possono fischiettare e che però possiedono un nocciolo sfuggente, ricco, che ribadiscono la sostanza davvero eccezionale di un gruppo destinato a rimanere.

Recensione tratta dal Mucchio 621 (aprile 2006)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...