All Hour Cymbals
We Are Free/Goodfellas

Dobbiamo ammetterlo: era da un po’ di tempo che non ci capitava tra le mani un gruppo così sfuggente. Chiaro, gli Yeasayer sono una band in qualche modo riconducibile a schemi preesistenti – per quanto liberi e sfuggenti a loro volta, leggi Animal Collective – e non vengono certo fuori dal nulla, visto che sono anch’essi, proprio come Panda Bear e soci, frutto di quella New York che ospita da ormai qualche anno fermenti free, freak e folk, battitori liberi ed eccentrici. Eppure il loro debutto, “All Hour Cymbals”, scivola lungo i bordi, si arrotola nel buio dei cantoni per poi schizzare veloce dal lato opposto, e nel momento in cui il filo del discorso si lascia intercettare lungo l’asse di un groove tribale africano vira bruscamente verso territori acustici sconnessi, gettando impossibili ponti tra i Talking Heads, l’elettronica povera, il Medio Oriente e l’acid folk più sballato. Esattamente ciò che accade nella brulicante “Germs”. E poi c’è l’uso delle voci, le quali spesso si moltiplicano, si intrecciano, si stratificano e si sorreggono secondo schemi non lineari, eppure straordinariamente efficaci. Si ascoltino ad esempio le evoluzioni alla “Pet Sounds” nella bandistica e solenne “No Need To Worry”, conclusa da un tripudio di chitarre che si inseguono e si rimpallano. C’è molto altro poi, ad esempio un eclettismo collagistico ben evidenziato in “Forgiveness”, dove un loop inceppato apre la strada ad un jingle jangle chitarristico che a sua volta si presta ad un incedere elastico e irregolare di marca XTC, piombando infine in territori contigui alla spiritualità trascendente – e lisergica – che permea i minuti finali di “Schwingungen” degli Ash Ra Tempel. Oppure il tribalismo trance di “Wait For Wintertime”, incedere imponente zuppo di spezie arabiche che si trasmuta in macilenta cavalcata alla Black Sabbath attraversata da fantasmi e venti desertici, miraggi e tastiere ambient, e ancora il tiro smaccatamente pop di “2080”. Troppa roba per un solo disco? Può darsi, ma è dannatamente divertente, ed è solo l’inizio.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

 

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...