All Hour Cymbals
We Are Free/Goodfellas

Dobbiamo ammetterlo: era da un po’ di tempo che non ci capitava tra le mani un gruppo così sfuggente. Chiaro, gli Yeasayer sono una band in qualche modo riconducibile a schemi preesistenti – per quanto liberi e sfuggenti a loro volta, leggi Animal Collective – e non vengono certo fuori dal nulla, visto che sono anch’essi, proprio come Panda Bear e soci, frutto di quella New York che ospita da ormai qualche anno fermenti free, freak e folk, battitori liberi ed eccentrici. Eppure il loro debutto, “All Hour Cymbals”, scivola lungo i bordi, si arrotola nel buio dei cantoni per poi schizzare veloce dal lato opposto, e nel momento in cui il filo del discorso si lascia intercettare lungo l’asse di un groove tribale africano vira bruscamente verso territori acustici sconnessi, gettando impossibili ponti tra i Talking Heads, l’elettronica povera, il Medio Oriente e l’acid folk più sballato. Esattamente ciò che accade nella brulicante “Germs”. E poi c’è l’uso delle voci, le quali spesso si moltiplicano, si intrecciano, si stratificano e si sorreggono secondo schemi non lineari, eppure straordinariamente efficaci. Si ascoltino ad esempio le evoluzioni alla “Pet Sounds” nella bandistica e solenne “No Need To Worry”, conclusa da un tripudio di chitarre che si inseguono e si rimpallano. C’è molto altro poi, ad esempio un eclettismo collagistico ben evidenziato in “Forgiveness”, dove un loop inceppato apre la strada ad un jingle jangle chitarristico che a sua volta si presta ad un incedere elastico e irregolare di marca XTC, piombando infine in territori contigui alla spiritualità trascendente – e lisergica – che permea i minuti finali di “Schwingungen” degli Ash Ra Tempel. Oppure il tribalismo trance di “Wait For Wintertime”, incedere imponente zuppo di spezie arabiche che si trasmuta in macilenta cavalcata alla Black Sabbath attraversata da fantasmi e venti desertici, miraggi e tastiere ambient, e ancora il tiro smaccatamente pop di “2080”. Troppa roba per un solo disco? Può darsi, ma è dannatamente divertente, ed è solo l’inizio.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

 

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...