All Hour Cymbals
We Are Free/Goodfellas

Dobbiamo ammetterlo: era da un po’ di tempo che non ci capitava tra le mani un gruppo così sfuggente. Chiaro, gli Yeasayer sono una band in qualche modo riconducibile a schemi preesistenti – per quanto liberi e sfuggenti a loro volta, leggi Animal Collective – e non vengono certo fuori dal nulla, visto che sono anch’essi, proprio come Panda Bear e soci, frutto di quella New York che ospita da ormai qualche anno fermenti free, freak e folk, battitori liberi ed eccentrici. Eppure il loro debutto, “All Hour Cymbals”, scivola lungo i bordi, si arrotola nel buio dei cantoni per poi schizzare veloce dal lato opposto, e nel momento in cui il filo del discorso si lascia intercettare lungo l’asse di un groove tribale africano vira bruscamente verso territori acustici sconnessi, gettando impossibili ponti tra i Talking Heads, l’elettronica povera, il Medio Oriente e l’acid folk più sballato. Esattamente ciò che accade nella brulicante “Germs”. E poi c’è l’uso delle voci, le quali spesso si moltiplicano, si intrecciano, si stratificano e si sorreggono secondo schemi non lineari, eppure straordinariamente efficaci. Si ascoltino ad esempio le evoluzioni alla “Pet Sounds” nella bandistica e solenne “No Need To Worry”, conclusa da un tripudio di chitarre che si inseguono e si rimpallano. C’è molto altro poi, ad esempio un eclettismo collagistico ben evidenziato in “Forgiveness”, dove un loop inceppato apre la strada ad un jingle jangle chitarristico che a sua volta si presta ad un incedere elastico e irregolare di marca XTC, piombando infine in territori contigui alla spiritualità trascendente – e lisergica – che permea i minuti finali di “Schwingungen” degli Ash Ra Tempel. Oppure il tribalismo trance di “Wait For Wintertime”, incedere imponente zuppo di spezie arabiche che si trasmuta in macilenta cavalcata alla Black Sabbath attraversata da fantasmi e venti desertici, miraggi e tastiere ambient, e ancora il tiro smaccatamente pop di “2080”. Troppa roba per un solo disco? Può darsi, ma è dannatamente divertente, ed è solo l’inizio.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

 

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...