All Hour Cymbals
We Are Free/Goodfellas

Dobbiamo ammetterlo: era da un po’ di tempo che non ci capitava tra le mani un gruppo così sfuggente. Chiaro, gli Yeasayer sono una band in qualche modo riconducibile a schemi preesistenti – per quanto liberi e sfuggenti a loro volta, leggi Animal Collective – e non vengono certo fuori dal nulla, visto che sono anch’essi, proprio come Panda Bear e soci, frutto di quella New York che ospita da ormai qualche anno fermenti free, freak e folk, battitori liberi ed eccentrici. Eppure il loro debutto, “All Hour Cymbals”, scivola lungo i bordi, si arrotola nel buio dei cantoni per poi schizzare veloce dal lato opposto, e nel momento in cui il filo del discorso si lascia intercettare lungo l’asse di un groove tribale africano vira bruscamente verso territori acustici sconnessi, gettando impossibili ponti tra i Talking Heads, l’elettronica povera, il Medio Oriente e l’acid folk più sballato. Esattamente ciò che accade nella brulicante “Germs”. E poi c’è l’uso delle voci, le quali spesso si moltiplicano, si intrecciano, si stratificano e si sorreggono secondo schemi non lineari, eppure straordinariamente efficaci. Si ascoltino ad esempio le evoluzioni alla “Pet Sounds” nella bandistica e solenne “No Need To Worry”, conclusa da un tripudio di chitarre che si inseguono e si rimpallano. C’è molto altro poi, ad esempio un eclettismo collagistico ben evidenziato in “Forgiveness”, dove un loop inceppato apre la strada ad un jingle jangle chitarristico che a sua volta si presta ad un incedere elastico e irregolare di marca XTC, piombando infine in territori contigui alla spiritualità trascendente – e lisergica – che permea i minuti finali di “Schwingungen” degli Ash Ra Tempel. Oppure il tribalismo trance di “Wait For Wintertime”, incedere imponente zuppo di spezie arabiche che si trasmuta in macilenta cavalcata alla Black Sabbath attraversata da fantasmi e venti desertici, miraggi e tastiere ambient, e ancora il tiro smaccatamente pop di “2080”. Troppa roba per un solo disco? Può darsi, ma è dannatamente divertente, ed è solo l’inizio.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

 

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...