ODD BLOOD
Mute/EMI

Entrati nell’ultimo scorcio del decennio, si può giungere alle prime conclusioni generiche: se nessuna corrente specifica ha dominato le scene, i sentieri sonori più (ri)battuti sono stati da una parte il folk e dall’altra la psichedelia. Sentieri che gli Yeasayer – provenienti da una città, New York, che ha sfornato parecchie nuove proposte di valore – hanno percorso in maniera obliqua, capovolgendo non pochi diktat. Dato di fatto importante: Anand Wilder, Chris Keating e Ira Wolf Tuton vivono ben calati nel presente, dove l’originalità consiste soprattutto nell’assemblare gli ingredienti a propria disposizione in maniera spiazzante. Si tratta di uno stravolgimento attuato sul corpo della forma-canzone che non può che dare frutti prelibati, se perseguito con fermezza nell’architettare le strutture, sapienza nel destreggiarsi fra radici e modernità, ingegno nel disseminare dettagli eccentrici. Ciascuna con le proprie caratteristiche, è ciò che stanno continuando a fare le band più innovative degli ultimi tempi: dagli Animal Collective ai Fiery Furnaces o ai Liars. Odd Blood si differenzia dall’esordio All Hour Cymbals del 2007, spostandosi verso un’elettronica variopinta e melodie maggiormente pop, a parziale discapito delle sfumature etniche. Per tornare al punto di partenza: adesso i tre musicisti americani si vestono di neopsichedelia, mettendo in gruccia i panni dei freakettoni filo-folk. Il risultato è una pozione meticcia, da distillare in quaranta minuti di note psicomagiche: dall’orecchiabilissimo singolo Ambling Alp – che nel relativo video evoca cavalieri neri, pugili incappucciati dai volti di vetro e altre stramberie – sino a tracce che perseguono ritmiche ballabili, come le irresistibili O.N.E., Rome e una Mondegreen con spruzzate sperimentali di fiati. Fra ataviche voci filtrate (The Children), fantascientifiche rotte corali (Madder Red), ballate oniriche (I Remember), rituali gospel-funk (Love Me Girl), arabeggianti misticismi (Strange Reunions). Stabilire un contatto è d’obbligo, quando si parla di proposte contemporanee non ancora classificabili in toto.

tratto dal Mucchio n°667

 

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...