ODD BLOOD
Mute/EMI

Entrati nell’ultimo scorcio del decennio, si può giungere alle prime conclusioni generiche: se nessuna corrente specifica ha dominato le scene, i sentieri sonori più (ri)battuti sono stati da una parte il folk e dall’altra la psichedelia. Sentieri che gli Yeasayer – provenienti da una città, New York, che ha sfornato parecchie nuove proposte di valore – hanno percorso in maniera obliqua, capovolgendo non pochi diktat. Dato di fatto importante: Anand Wilder, Chris Keating e Ira Wolf Tuton vivono ben calati nel presente, dove l’originalità consiste soprattutto nell’assemblare gli ingredienti a propria disposizione in maniera spiazzante. Si tratta di uno stravolgimento attuato sul corpo della forma-canzone che non può che dare frutti prelibati, se perseguito con fermezza nell’architettare le strutture, sapienza nel destreggiarsi fra radici e modernità, ingegno nel disseminare dettagli eccentrici. Ciascuna con le proprie caratteristiche, è ciò che stanno continuando a fare le band più innovative degli ultimi tempi: dagli Animal Collective ai Fiery Furnaces o ai Liars. Odd Blood si differenzia dall’esordio All Hour Cymbals del 2007, spostandosi verso un’elettronica variopinta e melodie maggiormente pop, a parziale discapito delle sfumature etniche. Per tornare al punto di partenza: adesso i tre musicisti americani si vestono di neopsichedelia, mettendo in gruccia i panni dei freakettoni filo-folk. Il risultato è una pozione meticcia, da distillare in quaranta minuti di note psicomagiche: dall’orecchiabilissimo singolo Ambling Alp – che nel relativo video evoca cavalieri neri, pugili incappucciati dai volti di vetro e altre stramberie – sino a tracce che perseguono ritmiche ballabili, come le irresistibili O.N.E., Rome e una Mondegreen con spruzzate sperimentali di fiati. Fra ataviche voci filtrate (The Children), fantascientifiche rotte corali (Madder Red), ballate oniriche (I Remember), rituali gospel-funk (Love Me Girl), arabeggianti misticismi (Strange Reunions). Stabilire un contatto è d’obbligo, quando si parla di proposte contemporanee non ancora classificabili in toto.

tratto dal Mucchio n°667

 

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...