NATI PER SUBIRE
La Tempesta/Venus

Pur rimanendo sempre estremamente riconoscibili, fino a questo momento gli Zen Circus avevano realizzato dischi abbastanza diversi tra loro, nell’ambito di un cammino di crescita e progressiva maturazione fatto di deviazioni magari non radicali ma comunque significative. Nati per subire, settimo album del trio pisano, si colloca invece in diretta continuità rispetto al precedente Andate tutti affanculo (2009), per almeno due motivi: anzitutto perché anch’esso è interamente cantato in italiano; poi, perché prosegue lungo la strada della contaminazione tra spessore compositivo cantautorale e osservazione sociale del quotidiano. Ove però lì era la rabbia, fin dal titolo, il punto di vista che qui prevale è quello, rassegnato, di chi sa di avere ormai perso la propria battaglia col mondo.
Una sorta di “ciclo dei vinti” (se ci passate il parallelismo verghiano) per raccontare il quale Appino, Ufo e Karim fanno sfoggio di una profondità e di una raffinatezza che lasceranno di sale quanti vedono in loro solo dei busker un po’ sporchi e volgarotti.
Continuano a non avere peli sulla lingua, certo, ma si dimostrano
capaci di invenzioni di gran classe: nelle liriche, spaccati di vita
vissuta o verosimile efficaci e sovente controversi, e nelle musiche, dove si incontrano il folk-punk degli esordi e un elettrico rock metropolitano. Tanto che, se in Ragazzo eroe e Nel Paese che sembra una scarpa si scorge ancora l’influenza dei Violent Femmes,
L’amorale è acidula come lo erano i Pixies, I qualunquisti si appoggia su un ritornello inconfondibilmente punk e le chitarre sul finale de Il mattino ha l’oro in bocca non sono così distanti da quelle delle cavalcate liquide e abrasive dei Mogwai. Un lavoro scomodo, forse, per i temi che tratta (e per come li tratta), ma anche per questo importante, oltre che pienamente soddisfacente: proprio ciò che ci si aspetta da – ormai possiamo dirlo – una delle formazioni più rilevanti dello Stivale.

Tratto dal Mucchio n° 687

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...